Skip to main content

Per reidratare i muscoli ed espellere gli acidi prodotti durante l’attività fisica bisogna bere molto ma anche bere bene. Il potere idratante dell’acqua alcalina è superiore a quello delle altre acque e può fare la differenza nelle performances degli atleti perché aiuta a velocizzare i tempi di recupero.

In questo articolo vediamo perché l’acqua alcalina è in grado di assicurare un’idratazione corretta nella pratica sportiva, avendo un elevato potere idratante.

acqua alcalina e sport

Sappiamo anche che bere acqua a sufficienza è fondamentale per tutti, in qualunque fase della vita, perché la disidratazione compromette le funzioni fisiologiche (anche quelle cerebrali) e le prestazioni fisiche.
Di conseguenza, se ne deduce che un adeguato apporto di acqua è ancor più importante negli sportivi (il cui fabbisogno idrico è maggiore) perché funzionale alle performances sul campo.
Quindi, se per tutti vale la regola di bere minimo 2 litri di acqua al giorno, per chi pratica un’attività fisica intensa può essere necessario idratarsi di più e meglio, sia per offrire prestazioni migliori sia per contrastare la disidratazione che può derivare da una sudorazione intensa.

Ma il concetto di idratazione va un po’ più in là: è un concetto che si tende ad assimilare sempre al quantitativo di acqua che si assume, ma non è realmente così.
Una corretta idratazione, infatti, ossigena gli organi e i tessuti e favorisce l’espulsione delle tossine.

Tutte le “acque” conferiscono una corretta idratazione?

Ecco, questo è il punto!
Non è sufficiente buttare giù una qualunque acqua per assicurarsi un’efficace idratazione dell’organismo dopo uno sforzo fisico prolungato. Bisogna bere acqua di qualità!
Ecco perché per gli sportivi è importante capire che con un’acqua performante, anche loro saranno performanti!

idratazione e sport

Vediamo nello specifico le qualità intrinseche dell’acqua alcalina affinché si comprendano i suoi reali benefici:

  • ha un pH superiore a 7 (in genere compreso entro 9);
  • ha la capacità di neutralizzare gli acidi riportando su valori più alti il pH dell’organismo;
  • è composta da agglomerati di molecole d’acqua molto più piccole rispetto alle acque non alcalinizzate e per questo più facilmente assorbibili dai tessuti in profondità;
  • si caratterizza per la sua leggerezza;
  • ha un importante contenuto di sali minerali;
  • è priva di metalli pesanti;
  • risulta di facile assorbimento e quindi particolarmente idonea ad idratare le cellule e i tessuti. Una condizione che è fondamentale per il benessere di qualunque soggetto, ancor di più degli sportivi.
Se vuoi conoscere tutti i benefici dell’idratazione con acqua alcalina questa è la nostra pagina dedicata all’argomento: “Perché l’acqua alcalina è di grande beneficio per il nostro benessere?

Ma scendiamo un po nello specifico visto che stiamo parlando con degli sportivi…

 

Durante le prestazioni sportive i muscoli producono acidi metabolici (come l’acido lattico), che sono i responsabili della sensazione di bruciore che si avverte nella parte interessata ma anche dello stato di affaticamento e debolezza che subentra dopo lo sforzo.

Gli acidi metabolici in circolo determinano anche un abbassamento del pH dell’organismo che, da alcalino (intorno a 7.1-7.4) qual è fisiologicamente, tende a diminuire spostandosi verso una condizione di acidità (intorno a 6-6,5).

Questa variazione contribuisce a far avvertire la stanchezza: la naturale conseguenza è una diminuzione della forza muscolare e, di riflesso, una riduzione delle prestazioni.

performaces sportive

Per invertire questo processo ed espellere gli acidi metabolici dai tessuti è fondamentale idratarli in profondità. Poiché agisce direttamente sul meccanismo fisiologico di auto-regolazione del pH, l’acqua alcalina svolge un ruolo importante per contrastare l’eccesso di acidi nell’organismo e mantenere in equilibrio il pH corporeo.

Questo spiega perché l’idratazione con acqua alcalina può accelerare i tempi di recupero dopo la performance sportiva” sottolinea Marco Della Puca, preparatore atletico riconosciuto CONI.
Non dimentichiamo che il vero e proprio carburante per la performance di un atleta arriva dalla fonte alimentare – reale medicina del corpo umano – al cui interno l’acqua costituisce l’elemento più importante”.

Per concludere, e rendervi testimonianza di ciò che stiamo dicendo, vi diamo la possibilità di consultare ad uno studio condotto dal Centro clinico di ricerca di Camden (New Jersey), pubblicato sul Journal of the International Society of Sports Nutrition, che dimostra che l’idratazione post-sforzo con acqua alcalina riduce maggiormente la viscosità del sangue.

Questo fattore aumenta ogni volta in cui l’attività cardiaca rallenta, come avviene in caso di disidratazione.

studio potere idratante acqua alcalina

Negli sportivi che manifestano una perdita di acqua consistente, infatti, l’aumento di viscosità del sangue è il primo effetto collegato alla difficoltà di pompaggio del cuore.

Secondo lo studio condotto nel 2019 su 50 uomini e 50 donne, divisi in due gruppi e sottoposti ad un allenamento così intenso da ridurne il peso corporeo del 2% per effetto della disidratazione, negli sportivi che sono stati reidratati con acqua alcalina la viscosità sanguigna si è ridotta in media del 6,30%.

Se vuoi conoscere ALKA2O, i nostri valori e chi ci accompagna in questo progetto incentrato sul benessere degli atleti, degli sportivi, della gente comune e del pianeta intero leggi anche “Irene Curtoni e ALKA2O, un binomio vincente in Coppa del Mondo, verso Cortina 2021“.
irene curtoni per alka2o

Irene Curtoni: sciatrice, capitana della Nazionale Italiana di Slalom Speciale, testimonial ALKA2O

5 Comments

Lascia un commento