Skip to main content

Uno dei più conosciuti e dibattuti sistemi di trattamento dell’acqua è l’osmosi, l’unico in grado di depurare l’acqua da qualsiasi sostanza inquinante, cloro, virus, batteri, metalli pesanti, ecc.
Questa sua caratteristica è riportata in modo inequivocabile nel Decreto Ministeriale 25 del 2012 (relativo ai dispositivi di trattamento delle acqua destinate al consumo umano).

Come si può apprezzare da questo schema, non ci sono sostanze in grado di superare la membrana a osmosi: questa caratteristica garantisce un’acqua microbiologicamente pura.
Questo è il grande vantaggio del sistema ad osmosi.

Ma c’è un “ma”…

Sappiamo anche che l’acqua osmotizzata non è particolarmente indicata per dissetarsi perché la membrana, oltre a depurare l’acqua da tutte le sostanze inquinanti, sottrae alla stessa acqua anche i sali minerali utili e buoni per il corpo umano (come calcio, magnesio, potassio e sodio).

Un altro aspetto che caratterizza negativamente il sistema ad osmosi, rispetto a tutti gli altri sistemi di filtrazione, è lo scarto (e quindi spreco) dell’acqua. L’osmosi infatti è l’unico sistema che prevede uno scarto rispetto all’acqua che entra all’interno del suo sistema.
Questo scarto è dovuto all’auto-pulizia delle membrane ed è quindi molto legato a quanto è “sporca” l’acqua utilizzata. Mediamente possiamo dire che un classico sistema a osmosi scarta circa il 40/45% dell’acqua che utilizza.

Assenza di sali minerali “buoni” e alta percentuale di scarto sono quindi le due caratteristiche che rendono l’osmosi il sistema più dibattuto. E spesso, anche per un fattore economico, vengono preferiti altri sistemi di trattamento dell’acqua, rinunciando ad una depurazione dell’acqua più efficace e profonda.

È possibile ovviare a questi “punti deboli”?

È possibile migliorare ulteriormente il sistema di depurazione dell’acqua?

Noi di ALKA2O ci siamo riusciti!

 

Non ci siamo accontentati di realizzare un’osmosi “imperfetta” per annientare questi due difetti, tutt’altro!

Ecco come abbiamo reso unico il sistema ALKA2O…

Trasformiamo l’acqua di rete, creando acqua buona da bere attraverso un filtro remineralizzante, che arricchisce l’acqua precedentemente purificata con calcio, magnesio e potassio, regalando quindi un’acqua pura, con un pH alcalino (dovuto alla remineralizzazione) e un basso residuo fisso.

Relativamente allo scarto dell’acqua, ALKA2O ha limitato di gran lunga lo spreco della stessa. Infatti il nostro sistema, in tutte le sue declinazioni (ALKA2O Building, ALKA2O Community, ALKA2O Home e ALKA2O Sport) prevede 3 membrane ad osmosi. L’attività della terza membrana è uno dei focus che rende il progetto ALKA2O un progetto sostenibile.
Ma spieghiamo meglio cosa accade tecnicamente all’interno dei nostri macchinari: le prime due membrane, in parallelo ed abbinate ad una pompa rotativa da 300 L/H, consentono di mantenere alta la velocità di erogazione, mentre la terza membrana (posizionata in serie rispetto alle altre) recupera e filtra nuovamente l’acqua scartata dalle precedenti due membrane limitando il più possibile lo scarto.

Inoltre, sempre in tema di sostenibilità ambientale, benessere e risparmio, ALKA2O, nelle due declinazioni rivolte alla famiglia (ALKA2O Home e ALKA2O Building) prevede che ogni fruitore possa spillare sia acqua buona da bere sia acqua osmotizzata e quindi perfetta per cucinare.

Con ALKA2O otterrai l’erogatore professionale di acqua alcalina

che attraverso un sistema di doppio filtraggio e remineralizzazione

neutralizza ogni forma di inquinamento

rendendo l’acqua pura e benefica per l’organismo

Lascia un commento